favorire lo sviluppo etico attraverso consumo critico e tasse

Nel “mercato globale” i beni e servizi prodotti dal “luogo GRIGIO”, hanno diritto d’esser venduti anche nel “luogo AZZURRO”.

Nel “luogo AZZURRO”

  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per proteggere l’ambiente (leggi anti inquinamento e sviluppo nuove tecnologie…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per massimizzare la legalità (leggi anti corruzione, protezione testimoni, giuste condanne…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per proteggere i lavoratori (leggi anti infortunistiche, sindacati…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per migliorare la qualità della vita del popolo (finanziamenti alla cultura, sanità, infrastrutture, sport…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per crescere come società (incentivi allo sviluppo…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per favorire la libertà degli individui (liberalizzazione di religioni, politiche, opinioni, parola, stampa…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per stare al passo coi tempi (nuove tecnologie, aggiornamento leggi tecniche…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per capire il contesto generale (attenzione ai nuovi assetti socio-economici internazionali…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per minimizzare gli sprechi (semplificazione, revisioni, sorveglianza…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per proteggere i diritti dei cittadini (assistenza sociale…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per massimizzare la democrazia (leggi elettorali, libertà d’espressione politica…)
  • si investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno per incentivare l’educazione civica (istruzione scolastica e familiare, dare il buon esempio…)

Nel “luogo GRIGIO”

  • non si investe nulla (o molto poco) nelle cose elencate sopra

I beni e servizi del “luogo GRIGIO”, vista la lista di sopra, ovviamente, costano molto meno.
I produttori dei beni e servizi del “luogo AZZURRO” vendono poco o niente data la concorrenza economicamente inarrivabile.
Il “luogo AZZURRO” diventa eticamente e socialmente sviluppatissimo ma economicamente fragile e vacillante, destinato al collasso.

Personalmente vedo due soluzioni:

  1. Il consumo critico: il consumatore acquista beni e prodotti del “luogo AZZURRO” anche se costano di più, perché dà una profondo valore alla lista di sopra.
  2. Dazi doganali “etici”: il governo del “luogo AZZURRO” sovrattassa i beni e servizi del “luogo GRIGIO”.

…così facendo si favorirebbero economicamente i beni e servizi “etici” del “luogo AZZURRO” ed indirettamente si imporrebbe ai “luoghi GRIGI” di investe tempo, energia, denaro, ingegno ed impegno nello sviluppo di una società più ricca culturalmente, giusta, etica e responsabile.

You must be logged in to post a comment.